Ecomuseo
dei Sette Ricordi

Le fasce, il frumento e i mulini


Scopri di più

I muli e i mulattieri


Scopri di più

Il piffero, le danze e le buiasche


Scopri di più

Il castagneto e u seccaézzu


Scopri di più

Il pascolo


Scopri di più

A carbunin-a


Scopri di più

Casoni, muretti a secco e sierve


Scopri di più

Ecomuseo… Di cosa si tratta?

Il termine ecomuseo indica un territorio caratterizzato da ambienti di vita tradizionali, patrimonio naturalistico e storico-artistico particolarmente rilevanti e degni di tutela, restauro e valorizzazione.
Il patrimonio storico, culturale ed ambientale sono diventati oggetto d’interesse pubblico in cui la società può conoscere il territorio che la circonda.
Un ecomuseo, diversamente da un normale museo, non è circondato da mura o limitato in altro modo, ma si propone come un’opportunità di scoprire e promuovere una zona di particolare interesse per mezzo di percorsi predisposti, di attività didattiche e di ricerca che si avvalgono del coinvolgimento in prima persona della popolazione, delle associazioni e delle istituzioni culturali.
Inoltre si può dichiarare che il museo diffuso appartiene alla comunità, che è essa l’ecomuseo. 

Scopri la mappa di comunità

“Sette Ricordi”… Perché?

Perché proprio sette? Forse perché il sette è anticamente il numero delle Arti liberali, ma sette sono anche i giorni della settimana, e settima è la nota sensibile del pentagramma, quello che si balla fino a tardi sull’onda dei valzer e delle gighe di piffero e fisarmonica, da sempre nelle feste delle aie e nei ritrovi delle frazioni ancora abitate. Fatto sta che…

SCOPRI DI PIÙ

Il territorio

Il territorio proposto per l’istituzione dell’ecomuseo dei Sette Ricordi si trova all’interno del Comune di Carrega Ligure. L’intero territorio del comune è considerato come una propaggine della cintura appenninica ligure e ciò assume un signficato che va al di là dello stretto profilo geo-morfologico. Infatti, molti fattori di ordine culturale (dialetto, tradizioni, costumi e usanze gastronomiche, musiche e rapporti commerciali) legano in modo particolarmente stretto questo territorio alle realtà vallive dell’entroterra ligure, piacentino ed emiliano. Per questo motivo l’insieme dei piccoli comuni rurali arroccati su queste pendici appenniniche costituisce l’ideale territorio denominato delle “Quattro Province”. 

Scopri di più

La storia

Il territorio comincia a restituire esili tracce di storia già da epoca romana, con il rinvenimento di una necropoli che la tradizione storica locale fa risalire alla seconda metà del primo secolo. In assenza di scavi approfonditi, i reperti rinvenuti non sono, tuttavia, sufficienti per definire l’entità e la struttura degli insediamenti umani di quell’età.

Scopri di più

Ultime notizie

Musiche e sapori della tradizione a Capanne di Cosola

Domenica 3 ottobre 2021, l’Ecomuseo dei Sette Ricordi ha partecipato all’iniziativa organizzata presso il Rifugio delle Quattro Province – Colonia montana Capanne di Cosola (Cosola, Cabella Ligure, AL) con la[…]

Read more
Ottobre 14, 2021 0

Festival “Appennino Futuro Remoto”

Nasce quest’anno il Festival AppenninoFuturoRemoto, un’operazione culturale partecipata e condivisa che nasce dal desiderio di far conoscere e valorizzare il bellissimo territorio dell’Alta Val Borbera e creare attrattività in modo[…]

Read more
Luglio 3, 2021 0

I casoni della Val Borbera

Tra etnografia, storia e leggenda, forse le più suggestive architetture della val Borbera potrebbero conoscere una nuova stagione. Il termine casoni è presente nella terminologia contadina di molti luoghi (si[…]

Read more
Luglio 7, 2020 0