CIE – Carta d’Identità Elettronica

 

L’art.10 – terzo comma – del Decreto Legge n. 78/2015 recante “Disposizioni urgenti in materia di enti territoriali” ha introdotto la nuova carta di identità in formato elettronico (CIE).

La nuova CIE sostituisce la precedente carta di identità elettronica e la carta di identità cartacea che non verrà più rilasciata dal momento dell’attivazione del servizio di rilascio della CIE.

La vecchia carta d'identità in formato cartaceo conserva la validità fino alla sua scadenza, pertanto non occorre procedere alla sua sostituzione con la CIE.

Richiesta e velidità della carta d'identità

Il documento può essere richiesto dalle persone residenti (o domiciliate) nel Comune di Carrega Ligure indipendentemente dalla loro età anagrafica ed è valido:

  • 3 anni, per i minori di 3
  • 5 anni, nella fascia di età 3-18 anni;
  • 10 anni, per i maggiorenni.

La carta di identità, inoltre, viene emessa o rinnovata con validità fino al giorno del compleanno del titolare (Decreto Legge n. 5/2012).

La carta d'identità può essere rilasciata con validità per l'espatrio (per l'ingresso nei paesi della Comunità Europea e del bacino del mediterraneo consultare il sito della Polizia di Stato).

I cittadini iscritti all’AIRE (Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero) debbono rivolgersi al proprio Consolato di riferimento.

 

Minorenni

Per il rilascio della carta d'identità valida per l'espatrio ai minori di 18 anni è necessario l'assenso dei genitori o di chi ne fa le veci, che dovranno presentarsi muniti di documento identificativo in corso di validità. Se un genitore non può essere presente è necessaria la dichiarazione di assenso all'espatrio.

In caso di richiesta di documento non valido per l'espatrio, è sufficiente invece la presenza di un  solo genitore.

E' obbligatoria, in ogni caso, la presenza del minore per l'identificazione.

La carta d'identità per l'espatrio rilasciata ai minori degli anni quattordici può riportare, a richiesta, il nome dei genitori o chi ne fa le veci (Decreto Legge 24 gennaio 2012, n. 1 convertito nella Legge n. 27 del 24/3/2012).

 

Cittadini stranieri

Per quanto riguarda i cittadini stranieri, la carta d'identità rilasciata ha validità sul solo territorio  italiano. All'atto della richiesta devono essere presentati i seguenti documenti:

  1. permesso di soggiorno valido ovvero ricevute di richiesta di rinnovo del permesso di soggiorno effettuata in tempo utile e passaporto in corso di validità.
  2. passaporto in corso di validità.

Nel caso di rilascio di carta d'identità ai minori di cittadinanza straniera è necessaria la presenza di almeno un genitore. La qualità di genitore deve essere correttamente registrata in Anagrafe (attraverso la presentazione dell’atto di nascita del minore tradotto e legalizzato ovvero Apostillato).

  1. Visto gli errori spesso presenti nei passaporti si invitano i richiedenti a controllare attentamente che il passaporto in loro possesso contenga i dati anagrafici dichiarati al momento dell’iscrizione anagrafica. Qualora non coincidessero, in seguito al rifacimento del passaporto ovvero a seguito di modifica degli stessi disposti dallo

Stato di appartenenza, i medesimi dovranno produrre “DICHIARAZIONE DI ESATTE GENERALITA’” rilasciata dal Consolato del proprio Paese di appartenenza in Italia.

 

Quando richiedere la carta d'identità

La carta di identità può essere richiesta solo nei seguenti casi:

  • alla naturale scadenza della precedente carta di identità a partire dal 180° giorno antecedente la scadenza del documento;
  • in caso di smarrimento o furto di carta d'identità in corso di validità. Per ottenere il duplicato è necessario presentarsi allo sportello muniti della denuncia effettuata all'autorità di Pubblica Sicurezza e di altro documento di identità in corso di validità (passaporto, patente, etc.). Nella denuncia deve sempre essere indicato il numero della carta d'identità smarrita o rubata. Nel caso di furto o smarrimento avvenuto all'estero, prima di richiedere il rilascio della nuova carta d'identità, è necessario presentare alla Questura o ai Carabinieri la denuncia effettuata all'estero;
  • in caso di deterioramento del precedente documento: è necessario presentarsi allo sportello con la carta deteriorata.

 

Modalità di rilascio della carta d'identità

Prenotazione

Il rilascio della carta avviene esclusivamente con prenotazione di un appuntamento presso gli sportelli dell’Anagrafe.

Una volta effettuata la prenotazione l'interessato deve presentarsi allo sportello, nel giorno e nell’ora stabiliti, munito di:

  • codice fiscale;
  • precedente carta di identità (o della denuncia alle Forze dell’Ordine in caso di smarrimento o di furto);
  • 1 fotografia, formato tessera, recente (cioè scattata al massimo 6 mesi prima – cfr. nota Ministero Affari Esteri del 29/11/2005).

L’Ufficiale d’Anagrafe:

  • acquisisce i dati biometrici (impronte digitali),
  • acquisisce la firma autografa,
  • riceve l’eventuale manifestazione di volontà in ordine alla donazione di organi e tessuti;
  • acquisisce l’indicazione del luogo in cui la nuova CIE deve essere recapitata dopo l’emissione (è possibile anche indicare l’Anagrafe del Comune di Cabella Ligure); controlla che non vi siano condizioni ostative al rilascio di un documento valido per l’espatrio.
  • invia immediatamente via web la richiesta di produzione della CIE al Ministero dell’Interno;
  • rilascia al cittadino una ricevuta che comprende la prima parte di un codice PIN/PUK che permetterà di utilizzare la CIE per usufruire di tutti i servizi della P.A. che richiedono l’autenticazione in rete.

 

Consegna della carta d'identità

La consegna della carta NON E’ IMMEDIATA e non avviene presso gli sportelli dell’Anagrafe.

Sarà l’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato spa (IPZS), entro sei giorni lavorativi dalla richiesta di emissione della CIE inviata dall’Anagrafe, a consegnare, all’indirizzo dichiarato dal cittadino, un plico contenente la nuova CIE e la seconda parte del codice PIN/PUK.

Poste italiane spa (o altro soggetto eventualmente incaricato da IPZS) effettuerà tre tentativi di consegna all’indirizzo dichiarato dal cittadino e, in caso di impossibilità di recapito, depositerà presso di sé il plico per 60 giorni dandone avviso al cittadino. Nel caso in cui non si provveda al ritiro del plico, la carta verrà restituita all’IPZS che procederà all’annullamento della carta e ne darà notizia all’Anagrafe.

 

Costo della carta d'identità

La nuova CIE ha un costo complessivo di Euro 22,20 da versare in contanti il giorno della richiesta, comprensivo delle spese di spedizione.

La somma di Euro 22,20 va pagata presso gli sportelli del Settore Servizi Demografici al momento del rilascio della ricevuta di emissione della CIE. Il pagamento deve essere effettuato in contanti.

Per il rilascio di nuova CIE in caso di smarrimento,furto o deterioramento il costo e di EURO 27,37.

 

Carta d’identità cartacea

Dopo l’entrata a pieno regime dell’emissione della CIE la carta d’identità cartacea sarà rilasciata, solo in casi eccezionali di reale e documentata urgenza segnalati dal richiedente per motivi di salute, viaggio, consultazione elettorale e partecipazione a concorsi o gare pubbliche, oltre ai casi in cui il cittadino sia iscritto nell’Anagrafe degli italiani residenti all’estero (Aire).

 

 

Fotografie per la carta d'identità

Una nota del Ministero dell’Interno n. 400/A/2005/1501/P/23.13.27 del 5 dicembre 2005, ha fornito delle indicazioni ufficiali in merito alle caratteristiche tecnico-qualitative delle fotografie per i documenti di identità.

Qualità della fotografia

Le fotografie devono essere:

  • Non anteriori a sei mesi
  • Larghezza 35-40 mm
  • Primo piano della testa e della parte alta delle spalle in modo che il viso occupi il 70/80% della foto • Perfettamente a fuoco e chiara
  • Di alta qualità, senza macchie di inchiostro

La fotografia deve:

  • Mostrare il soggetto direttamente alla macchina
  • Mostrare i toni del colore dell’incarnato naturale
  • Avere un adeguato tono di contrasto e luce
  • Essere stampata su carte di alta qualità e con alta risoluzione • Le fotografie scattate con una fotocamera digitale devono essere di alta qualità e stampate su carta fotografica

Stile e luminosità

La fotografia deve:

  • Avere colore neutro
  • Mostrare il soggetto ad occhi aperti e chiaramente visibile senza capelli sul viso
  • Mostrare il soggetto rivolto direttamente all’obiettivo, non di traverso (tipo ritratto) e mostrare entrambe le estremità del viso chiaramente
  • Essere scattate su un semplice sfondo di colore chiaro
  • Essere scattate con luce uniforme senza mostrare ombre o riflessi del flash sul viso e senza effetto “occhi rossi”

Occhiali e copricapo

Se il soggetto indossa occhiali:

  • La fotografia deve mostrarne gli occhi nitidamente senza riflessi del flash sulle lenti e senza lenti colorate (se possibile evitare le montature pesanti – indossare occhiali con montatura più leggera se il soggetto ne ha la possibilità)
  • Assicurarsi che la montatura non copra alcuna parte degli occhi

Copricapo:

  • Non sono consentiti fatta eccezione per ragioni di natura religiosa, ma le caratteristiche del viso del soggetto dal mento alla fronte ed entrambi i lati del viso devono essere mostrati chiaramente

Espressioni e sfondi

La fotografia deve:

  • Mostrare unicamente il soggetto (niente spalliere di sedie, giocattoli, o altre persone visibili) che guarda in camera con un’espressione naturale ed a bocca chiusa.

Nuova IMU 2020 (comprende la ex TASI)

Con l’entrata in vigore della legge 27 Dicembre 2019, n. 160, nel 2020 è nata la NUOVA IMU (Imposta Municipale Unica), la quale assorbe la TASI (che risulta pertanto abolita a partire dal 1 Gennaio 2020).

La NUOVA IMU, come la precedente, prevede l’esenzione per l’abitazione principale.

SCADENZE

Per l’anno 2020 sono previste due rate:

  1. Prima rata in acconto, con scadenza il 16 Giugno 2020;
  2. Seconda rata a saldo, con scadenza il 16 Dicembre 2020.

In sede di prima applicazione dell’imposta, la prima rata da corrispondere è pari alla metà di quanto versato a titolo di IMU+TASI 2019.

Il versamento della rata a saldo dell’imposta dovuta per l’intero anno è eseguito, a conguaglio, sulla base della nuova aliquota approvata dal Consiglio Comunale in data 29 maggio 2020 (9,7 per mille).

Si ricordano anche le aliquote dell’anno 2019:

  1. TASI 2 per mille;
  2. IMU 7,7 per mille.

Nella redazione dell'F24 si raccomanda di non utilizzare più il codice contributo della TASI 3961, ma solo ed esclusivamente il codice tributo IMU 3918.